Mammillaria zeilmanniana

La Mammillaria zeilmanniana è una cactacea del Messico centrale, individuata prevalentemente nella zona di Guanajuato ad un'altitudine di quasi 2000 metri.Mammillaria zeilmanniana-fiori 2008-

Qui puoi vedere la mappa di distribuzione nel suo habitat.

La forma è globosa con tendenza ad allungarsi, ma rimane tozza con un'altezza massima di circa 8 cm e un diametro di 5 cm.

Ha 13-20 spine radiali bianche e 3-4 spine centrali più scure, di cui 2-3 verso l'alto (parallele al corpo della pianta) dritte e 1 centrale uncinata (perpendicolare alla pianta).
spine-mammillaria-zeilmanniana
La crescita è relativamente veloce.

Ama terreni calcarei ma ricchi, in inverno è abbastanza resistente al freddo (a Roma la tengo fuori tutto l'anno, e nel periodo vegetativo gradisce più di altre piante l'acqua calcarea del rubinetto).

Come sempre il terreno deve essere ben drenato con argilla espansa sul fondo del vaso e circa il 50% di inerti (lapillo, pomice) nella composta.
Vale sempre la regola delle altre cactacee di bagnare solo quando la terra è asciutta e solo nel periodo vegetativo (da metà aprile ad ottobre).

L'esposizione ottimale per la M. zeilmanniana è a sud, anche al sole diretto o con luce leggermente filtrata. Se tenuta con poca luce (ad es in casa) tende a filare.

Gli esemplari giovani sono solitari, ma crescendo generano diversi polloni e formano presto un gruppo folto di piante. Essendo molto cespitosa da una pianta nel giro di pochi anni avrete decine di teste pronte a fiorire.

Mammillaria-zeilmanniana-stranepiante-2-IMG_0887
I fiori sono numerosi, rosa intenso/fucsia, con stami gialli.
Le fioriture sono sempre generose, anche piante di piccole dimensioni si riempiono di fiori, questo ha contribuito a diffonderla molto anche tra i principianti; i fiori spuntano formando una corona nei 4/5 superiori del corpo della pianta. Dopo che è sbocciato e sfiorito il primo cerchio di fiori generalmente ce n'è un altro pronto ad aprirsi e la fioritura può ripetersi per tutta la bella stagione. Fiore-rosa-mammillaria-zeilmanniana
La fioritura dura circa una settimana e in piante adulte è molto suggestiva.

I frutti sono dello stesso colore dei fiori o poco più scuri, lunghi circa 1 cm e larghi circa 4mm, ma essendo autosterile dovrete avere un altro esemplare per ottenerli.

La concimazione può essere effettuata con concime liquido secondo le indicazioni del produttore, durante il periodo di crescita; personalmente uso raramente i concimi e sempre in metà dose rispetto a quanto riportato in etichetta, la pianta nelle foto non è mai stata concimata.

Un nome originale con cui viene chiamata è "puntaspilli rosa", in inglese: Rose Pincushion Cactus.

Mammillaria zeilmanniana-fiori 2008
La Mammillaria zeilmanniana delle foto è entrata nel mio balcone a marzo 2007, aveva solo tre teste, dopo la fioritura, a settembre-ottobre 2007 sono spuntate e cresciute le altre; i primi giorni di maggio 2008 si è riempita di boccioli che l'11 si sono aperti contemporaneamente. Il 20 giugno si sono aperti i primi fiori della seconda fioritura.

Esistite nella variante a fiori bianchi (Mammillaria zeilmanniana "albiflora", un cultivar), ma la più diffusa è quella a fiori fucsia.

La moltiplicazione della Mammillaria è facile sia per seme che per divisione dei polloni, che devono essere tagliati alla base con una lama affilata e disinfettata, lasciati a cicatrizzare per una decina di giorni, ed appoggiati su un nuovo terreno senza bagnare per il primo mese.
Per la semina si possono seguire le indicazioni presenti negli altri miei post. La germinabilità dei semi è generalmente alta e le piantine raggiungono facilmente la fioritura.

Malattie e parassiti possono attaccare la pianta, marciume radicale e cocciniglia sono i più frequenti e temuti, ma se la pianta è tenuta bene, senza eccesso d'acqua, la Mammillaria zeilmanniana rimane una pianta facile da coltivare.



13 commenti:

Anonimo ha detto...

Salve a tutti! Ho una zeilmanniana da tre anni; dopo la fioritura del primo anno, in primavera l'ho trapiantata - causa crescita - e da allora non ha più fiorito per i due anni successivi. La composizione del terreno è giusta, l'innaffiatura anche, l'esposizione è a sud sul balcone d'estate e nelle scale d'inverno (abito a Torino). La crescita è complessivamente buona e non presenta parassiti. Cosa potrebbe avere?

stranepiante ha detto...

Ciao, in base a quello che dici sembra tutto perfetto, l'unico dubbio è la posizione sulle scale d'inverno, se queste sono interne ad un palazzo potrebbe essere che negli ultimi due anni abbia ricevuto troppo calore durante l'inverno, e questo potrebbe aver alterato la sua percezione delle stagioni.
Prima di tutto è necessario vedere una foto, se non hai un account su flickr, Picasa web, ecc inseriscila su http://imageshack.us/.

Dopo il primo rinvaso causa crescita, la pianta ha continuato a crescere?

Quando l'hai tolta dalle scale per rimetterla a sud in pieno sole? se lo hai fatto a giugno era troppo tardi...

La posizione ideale anche in inverno sarebbe a sud, e la zeilmanniana resiste bene anche al freddo (se la terra è secca, io la tengo così), trovandoti a Torino probabilmente farà molto freddo, quindi per evitare di esporla alle gelate, dovresti costruire una serra fredda (le vendono semplici, già complete a poche decine di euro e fanno egregiamente il loro lavoro), in pratica tenere la pianta su uno scaffale coperto da un telo trasparente, che permette il passaggio della luce, ma che evita che la temperatura vada sotto lo 0. Devi anche evitare che si formi condensa all'interno lasciando areare bene nelle giornate molto soleggiate (un termometro all'interno è molto utile).
Per il momento non ho altre idee, sono graditi commenti se qualcuno ha avuto la stessa esperienza.
grazie ciao

Anonimo ha detto...

Vero: le scale sono interne e relativamente calde (10-12°); quest'anno le ho spostate fuori verso fine aprile ma faceva freddino, di giorno non passava i 16-17°: il prossimo, confeziono la serra! Dopo il primo rinvaso sono passato da una palla a 5/6, anche se non tanto grandi.
Per la foto, sto aspettando la registrazione su imageshack...
grazie e ciao

stranepiante ha detto...

vedrai che l'anno prossimo ti regalerà una bellissima fioritura.

Nicola ha detto...

Ho una pianta del tutto simile a questa ma è già alta 12cm e sembra crescere ancora in più le spine uncinate sono rosse. Ciò mi fa credere che non sia proprio la stessa... Quest'estate mi ha regalato fiori minuscoli rispetto al solito ma che poi sono diventati frutti rossi. E ora che siamo a settembre sta fiorendo di nuovo ma per ora i fiori sembrano non crescere più di tanto. E' un'altra specie o sbaglio qualcosa?

stranepiante ha detto...

ciao Nicola, le mammillaria sono tantissime, e fanno tutte i fiori più o meno simili, prova a mandarmi una foto o guarda qui: http://www.mammillarias.net/gallery/mammillaria_list.php?lg=uk se trovi qualcosa di simile.
ciaociao

Nicola ha detto...

ecco il link alla foto noterete la mancanza di ciuffi di spine...il vento mi ha fatto finire sopra un pezzo di stoffa, gli uncini hanno fatto il resto.
Spero si riesca a distinguere che tipo di mammillaria è. Grazie

stranepiante ha detto...

ciao, sembra come la mia :)

giorgio ha detto...

Ciao stranepiante! Da poco ho acquistato questo cactus che mi sembra essere una mammillaria (sono completamente ignorante sul campo delle piante!).
http://img189.imageshack.us/img189/1492/kaktos5.jpg
Non se se potresti indentificarla e di darmi qualche consiglio, come per esempio se dovrei rinvasarla o cosa.
Grazie mille per il tuo tempo!

Stranepiante ha detto...

Ciao Giorgio, sembrerebbe proprio lei, non ci metto la mano sul fuoco perchè le Mammillarie sono centinaia e secondo me sono le più difficili da identificare, ma per un 90% direi che è lei. ti direi di rinvasarla subito, ma dai pochi frammenti che vedo spuntare dal terreno sembrerebbe una buona composta.. l'hai già rinvasata una volta? se la composta è già buona, puoi lasciarla in quel vaso questa stagione e rinvasarla l'anno prossimo a fine inverno, se invece sta in torba, rinvasala subito. se non ne hai idea, prova, quando la terra è secca a tirarla fuori dal vasetto, e tocca la terra, se è dura e compatta rinvasala, se si sgretola va benecosì.
altri consigli? l'acqua come tutte le altre succulente, il sole, ne troppo ne troppo poco, ai due estremi ho perso molte mammillaria, nel mezzo stanno benone.
ciaociao
Buona coltivazione

giorgio ha detto...

Grazie della tua risposta! Come ho detto, l'ho comprata da poco, 4-5 giorni fa e non l'ho rinvasata. Faro' come dici te comunque. Aspettero' che la terra si secca e poi daro' un' occhiata se e' compatta oppure no. Grazie ancora!

ceicc ha detto...

Ciao ho scoperto solo oggi questo blog... e sto impazzendo da quanto mi piace e quante informazioni ci sono molto utili. E pure io ormai sono preso dalla cactus mania..io adoro quelle spinose...se poi fan fiori spettacolo.
Io ho circa una quarantina di specie diverse di cactus e simili e da quest'anno ho provato a seminarle con scarsi risultati...ma ora leggendo qui ci riprovo...
due domande sul mercato esiste una serra piccolina non costosa per seminae d'inverno in casa?

e poi su una mia pianta Mammillaria albilanata ssp reppenhagenii
credo questo tipo son spuntati decine e decine di tubicini viola... che per curiosita ho aperto e ho visto che ci sono semi. Come faccio a farli seccare metodo migliore?. Se vuoi ti posso mandar foto di tutte la mia Famiglia cactus.
Altra cosa...
io leggo sempre innaffiare quasi mai, piuttosto che una volta di troppo meglio una volta di meno. Ma io dico che quest'anno con acqua anche tutti giorni...poca... ho avuto grandi crescite e anche fioriture...cosa dice se non le avessi innaffiate sarebbe stato ancora meglio?

Stranepiante ha detto...

ciao, vedrai che diventerai sempre più cactusdipendente sei sulla buona strada :D
per seminare in inverno in casa, più che una serra che serve per mantenere la temperatura più alta che all'esterno e quindi in casa è inutile, serve una fonte artificiale di luce, per la temperatura quindi non servirà la serra, ma basterà quella che normalmente c'è in casa che sarà leggermente maggiore sulle semine dato che saranno illuminate da luce artificiale. leggi i vari post dettagliati che ho scritto sulle semine, ti saranno molto d'aiuto!

riguardo ai tubicini viola, sono i frutti che appunto contengonoi semi, puoi lasciarli seccare sulla pianta o raccoglierli prima e tirare fuori i semi con una pinzetta in modo più comodo dato che non saranno incrostati da residui di polpa del frutto secco, mettendoli poi in una bustina di carta per conservarli. in questo periodo si asciugheranno in poche ore, se invece vuoi anche lavarli/disinfettarli dopo lasciali all'aria su un foglio di carta per un paio di giorni.

riguardo all'acqua il discorso è molto ampio e man mano che allargherai la tua collezione imparerai quali piante puoi bagnare più spesso e quali no... in linea di massima tutte le succulente non avranno problemi di marciume legato a ristagno idrico se innaffiate abbondantemente una volta ogni 20 giorni circa... dando poca acqua tutti i giorni si rischia di non bagnare bene la terra e quindi radici cresciute in una zona del vaso che non riceve la poca acqua non potrebbero beneficiarne, altro rischio è che si impregna d'acqua solo la parte superiore della composta e piante con radici profonde potrebbero rimanere a secco... riguardo alla differenza di crescita e fioritura, indubiamente una pianta che sta sempre in terreno umido e nutrito crescerà più velocemente di una che viene bagnata ogni 20 giorni, ma non tutte le piante gradiscono o sopportano un trattamento simile...
ciaociao
grazie
apresto

Articoli della stessa categoria: